Giussani durante una lezione

La nota della vita, al Teatro delle Muse di Ancona il 13 maggio l’evento musicale in occasione del Centenario della nascita di Luigi Giussani

Venerdì 13 maggio il Teatro delle Muse di Ancona ospita ‘La nota della vita’, il concerto in occasione del Centenario della nascita di Luigi Giussani, con musiche di Chopin, Mozart, Donizetti e Schubert eseguite dalla Form, Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta da David Crescenzi, con Bruno Bizzarri al pianoforte e Alessandro Fiocchetti tenore e la partecipazione straordinaria di Iaia Forte che legge testi di Luigi Giussani.


L’appuntamento è stato presentato il 10 maggio nella sede regionale dagli assessori alla Cultura, Giorgia Latini, e al  Bilancio, Guido Castelli, insieme al presidente della Form Marco Manfredi, al direttore della Form Fabio Tiberi, Delio Mattiacci presidente dell’ Associazione Amici del pellegrinaggio Macerata Loreto, Carla Silenzi del Centro culturale Miguel Manara di Ancona, Roberto Fontolan direttore del centro internazionale di Comunione e Liberazione, l’attrice Iaia Forte e Gilberto Santini direttore dell’Amat.  


“Per tanti Giussani è stato maestro e guida nello scoprire la musica, nel trarne godimento, nel viverla come occasione di crescita personale. Qualità che gli furono riconosciute anche da molti valenti critici e musicisti, fra cui Riccardo Muti che così ebbe a scrivergli per il suo 80° compleanno: ‘Grazie per quello che lei ha dato alla musica, indicandola a tanti giovani come l’esperienza che più ci comunica il mistero, come strada per la ricerca della felicità’. Per questo, nel centenario della sua nascita – hanno rilevato i rappresentanti dell’Associazione Amici del Pellegrinaggio Macerata Loreto, l’Associazione Italiana Centri Culturali (AIC) e il Centro Culturale Miguel Mañara di Ancona – abbiamo  pensato di rendergli omaggio con un evento musicale realizzato dalla Fondazione Orchestra Regionale delle Marche (FORM) in collaborazione con l’Associazione Marchigiana Attività Teatrali (AMAT), due tra le più importanti istituzioni per lo spettacolo dal vivo che operano nelle Marche, e sostenuto dalla stessa Regione Marche che ha voluto promuoverlo ad Ancona”.


La proposta, accolta e approvata dal Centro internazionale di Comunione e liberazione per le celebrazioni del Centenario di don Giussani, è quella di un concerto di musica classica che verrà poi riproposto su palinsesto nazionale da Tele 2000.


“Per la Regione Marche è un onore evidenziare questa importante ricorrenza – hanno detto gli assessori Latini e Castelli – l’appuntamento ad Ancona ha il merito di ricordare un grande personaggio, un intellettuale ed educatore straordinario. Un maestro che ha saputo accompagnare i giovani nel cammino della vita introducendoli alla musica. Attraverso la bellezza, quindi, ha plasmato le nuove generazioni. Così il suo movimento, fondato sulla capacità di formare la persona nella sua interezza. Del resto Giussani raccontava di aver percepito l’esistenza stessa di Dio da un’intuizione nata ascoltando la musica classica in quella nostalgia di infinito che la musica esprime”.


Eredità che continua a dare frutto per Fontolan, direttore del centro internazionale di Comunione e Liberazione: “Don Giussani era cresciuto in una casa, come disse lui stesso, povera di pane, ma ricca di musica; e così, sin dall’inizio era toccato, anzi ferito, dal desiderio della bellezza; non si accontentava di una bellezza qualunque, di una bellezza banale, cercava la Bellezza stessa, la Bellezza infinita. Così ha trovato Cristo, in Cristo la vera bellezza, la strada della vita, la vera gioia”. Con queste parole l’allora cardinale Ratzinger ricordava don Giussani nell’omelia del suo funerale. Giussani stesso narra che ascoltando Spirto Gentil, la famosa aria di Donizetti, era arrivato a intuire l’esistenza di Dio: la vibrazione umana da cui scaturiva quel canto era così intensa che solo la presenza di Dio avrebbe potuto colmare la nostalgia struggente che l’aveva generata. Spirto Gentil divenne anche il titolo di una collana di CD musicali, proposti con introduzione storica e con una guida all’ascolto, perché ogni scoperta in Giussani si faceva compito educativo, scommettendo sempre sulla forza attrattiva del bello”.


“Verranno eseguiti dall’orchestra regionale – ha spiegato il direttore Tiberi – alcuni dei brani musicali più cari a don Giussani: F. Chopin, Preludio per pianoforte Op. 28, n. 15 in re bemolle magg. “La goccia d’acqua”; W. A. Mozart, Concerto per pianoforte e orchestra n. 20 in re min.  K. 466; G. Donizetti, La favorita: romanza di Fernando “Spirto gentil”; F. Schubert, Sinfonia n. 8 in si min. D. 759 Incompiuta (sinfonia n. 7)”. Introdurranno i brani in programma brevi letture di suoi testi che, pubblicati a corredo dei CD della collana Spirto Gentil, sono poi stati raccolti in un volume edito da Rizzoli. Le letture saranno autorevolmente interpretate dall’attrice Iaia Forte, che ha accettato di confrontarsi con le parole di don Giussani.


Biglietti: platea e I galleria € 20,00, II galleria 15,00 euro, III galleria e palchi laterali 10,00 euro. Informazioni e prevendita biglietteria Teatro delle Muse 071 52525, vendita on line www.vivaticket.com.


Inizio concerto ore 20.30.