amadeus sanremo

Sanremo 2022: i retroscena a Civitanova con Fiorello e Amadeus, i 22 big in gara, le Marche all’Ariston

di Stefano Fabrizi

Amadeus prima di comunicare il 4 dicembre i nomi dei 22 big che parteciperanno al Festival di Sanremo 2022 è corso a salutare l’amico di sempre Fiorello impegnato nel suo nuovo show live. L’occasione è stata colta venerdì 3 dicembre al Teatro Rossini di Civitanova. Con Amadeus c’erano due noti impresari Pasquale Mammaro e Lucio Presta. Alla compagnia si è aggiunto Fargetta invitato direttamente da Fiorello una volta appreso che il noto dj si sarebbe esibito alla Serra, locale di Civitanova Marche. Non sappiamo cosa si siano detti nei camerini. Sull’argomento c’è stato il massimo riservo. Anzi, non doveva neppure trapelare la notizia della presenza dei 3+1, ma la notorietà quanto meno di Amadeus non poteva passare inosservata. 

Una coincidenza?

Ora, la coincidenza che il giorno dopo Amadeus abbia svelato i nomi dei big, lascia poco spazio alla… coincidenza. Nulla è stato detto sulla partecipazione “attiva” di Fiorello al prossimo Festival, ma c’è da scommetterci che Rosario non lascerà solo Ama. Anche perché l’edizione 2021 del concorso canoro ha visto mattatore e “salvatore” del Festival proprio Fiorello che, come tutti, d’altronde, ha dovuto lavorare senza un pubblico in platea con una difficoltà non indifferente.

sanremo i big

Ecco i big in gara per Sanremo 2022

Grandi ritorni, prime volte e duetti inattesi. Amadeus, direttore artistico e conduttore del prossimo Festival di Sanremo, ha svelato il cast dei 22 cantanti in gara all’edizione 2022. Ai 22 big scelti si aggiungeranno i due vincitori di Sanremo Giovani, che saranno proclamati il 15 dicembre.

Elisa

Dargen D’amico

Gianni Morandi

Noemi

Le Vibrazioni

Sangiovanni

Massimo Ranieri

La Rappresentante di Lista

Ana Mena

Emma

Achille Lauro

Michele Bravi

Iva Zanicchi

Rkomi

Fabrizio Moro

Giusy Ferreri

Irama

Giovanni Truppi

Aka 7even

Enzo Mazza: la carica dei dischi di platino

A mettere in fila in numeri la potenza di fuoco dei cantanti che si sfideranno dall’1 al 5 febbraio è il ceo della Fimi, Enzo Mazza: “17 degli artisti in gara a #Sanremo2022 hanno ricevuto uno o più award di platino nella loro carriera dal 2010 in avanti. Complessivamente sono 280 i dischi di platino accumulati dal cast dei BIG del prossimo Festival”, scrive su Twitter. E’ dal 2010, infatti, che la Federazione dell’industria musicale ufficializza le certificazioni di vendita delle registrazioni musicali e il disco di platino premia le 50 mila copie vendute.

Enzo Mazza
Enzo Mazza

I giovani che sbarcano in Riviera

Mazza evidenzia “un altro record” di Sanremo 2022: “Non credo di aver mai visto un cast con tre artisti che sono stati primi in classifica @FIMI_IT e subito in gara al Festival”. Il riferimento è a Sangiovanni (17 dischi di platino), Rkomi (33 platini) e Blanco (27 platini): parliamo di artisti in grado di collezionare rispettivamente 2,2 milioni, 4 milioni e 3,2 milioni di ascoltatori mensili su Spotify. Poi c’è la spagnola Ana Mena che viaggia sui 5 milioni di ascoltatori mensili su Spotify e 16 dischi di platino. O ancora Irama (29 platini), Elisa (34), Emma (28), Giusy Ferreri (18), solo per fare alcuni esempi di un cast “molto vicino all’andamento del mercato, ai gusti del pubblico che ama e consuma musica”, chiosa Mazza.

Morandi e Jovanotti

Morandi e Jovanotti

Campioni dello streaming, emergenti, sorprese – su tutte, la coppia formata dal rapper Highsnob e dalla cantante Hu – saranno in gara insieme con voci storiche della musica italiana come Massimo Ranieri, Iva Zanicchi, Gianni Morandi. “Canterò una canzone scritta per l’occasione da Lorenzo Jovanotti. Il suo entusiasmo, la sua generosità, la sua allegria e la sua amicizia, mi hanno contagiato e convinto a proporre la mia partecipazione. Ringrazio Amadeus che ha scelto anche la nostra canzone fra le 22 che saranno in gara. Sono entusiasta, emozionato come un debuttante”, scrive Morandi sui suoi profili social. Gli fa eco Jova: Morandi “mi ha chiesto qualche mese fa se avevo una canzone che mi facesse pensare alla sua voce e alla sua storia e da quel giorno ci ho pensato finché poi di colpo è arrivata e l’ho chiamato gridandogli ce l’ho! Ha ascoltato il mio demo ed è arrivato da me, ma tutt’altro che in ginocchio, era contento di lavorarci e di trovare la tonalità. #ama l’ha ascoltata e l’uomo dei fiori ha detto SI! adesso la finiamo per bene. Il ritorno di #gianni su quel palco sarà emozionante. Sono contento che il pezzo sia stato ammesso alla gara, per me essere parte di questa cosa è molto bello, mille pensieri si affollano nella mia testa, molti ricordi legati alla mia vita di appassionato di musica e di spettacolo, e altrettanti legati al futuro di un artista come #morandi che ha questa voglia di giocare, partecipare, emozionarsi ed emozionare. Restiamo uniti!!!!!”, conclude citando lo slogan di Morandi conduttore (nel 2011 e 2012) a Sanremo, dove ha vinto nel 1987.

Il ritorno di Elisa, Donatella Rettore e Beppe Vessicchio

Elisa tornerà all’Ariston vent’anni dopo la vittoria con Luce (Tramonti a nord est) con un brano che ha “tenuto in un cassetto per anni, il suo destino era di aspettare Sanremo e il 2022 per incontrarvi. Sarà un momento importante di questo viaggio appena iniziato, e ce ne saranno altri…”, sottolinea l’artista, spiegando che Sanremo è uno dei tasselli del nuovo progetto discografico in uscita nel 2022 per Island Record. Donatella Rettore sarà al festival con Ditonellapiaga: “Sentivo il bisogno di dire delle cose, Sentivo la necessità di tracciare la mia strada verso il mio futuro musicale. Su quel palco io e @ditointhepiaga faremo una grande festa e voi siete tutti invitati”. Tra foto in bianco e nero di Morandi e Ranieri insieme, “i ragazzi irresistibili della canzone italiana”, sul web spopola anche il ritorno del maestro Beppe Vessicchio, una delle star del festival, sul palco con Le Vibrazioni.

Molto limitata la quota band

Solo Le Vibrazioni e La Rappresentante di Lista, dopo l’ottima prova dell’anno scorso, hanno staccato il pass per l’Ariston. A questi 22 si andranno ad aggiungere altri due artisti in arrivo tra i 12 finalisti di Sanremo Giovani (Bais, Martina Beltrami, Destro, Esseho, Littamè, Oli?, Matteo Romano, Samia, Senza Cri, Tananai, Vittoria e Yuman). 

Dardust, Dario Faini
Dardust, Dario Faini

I marchigiani a Sanremo

Tra i big troviamo la cantante fermana Federica Ferracuti, ovvero Hu, che si presenterà sul palco dell’Ariston con Highsnob, al secolo Michele Matera di Avellino. Inoltre, non mancherà la mano di Dardust, ovvero Dario Faini di Ascoli, che nel 2019o ha portato al primo posto Mahmood (che ritroviamo in gara) con il brano Soldi. Per questa edizione Dardust ha affiancato Elisa con un suo brano prodotto per lei. E in Riviera ci saranno anche Emma, Irama, La Rappresentante di Lista, Sangiovannia, Rkomi: tutti hanno visto la collaborazione con il re mida della canzone italiana.

Hu, Federica Ferracuti

Federica si è avvicinata alla musica già a tre anni e a 11 anni ha iniziato a studiare la chitarra jazz, senza tralasciare pianoforte, basso e violoncello. Insomma una grande curiosità verso tutta la musica che l’ha portata ad essere cantante, producer e polistrumentista. Nel 2016 è nata Hu. Con questo pseudo ha firmato diversi lavori pubblicitari (Lamborghini #Real lovers, Chiara Ferragni summer campaign, Night trailer generator per Jagermaister). Nel 2018 è tra i 10 finalisti dello Jager music Lab, che le permette di andare a Berlino e ricevere due menzioni speciali. Nel 2020 il singolo Neon l’ingresso in Warner Music Italy e la partecipazione ad AmaSanremo con il singolo Occhi Niagara, che l’ha fatta entrare tra i finalisti di Sanremo Giovani. Dopo questo singolo, ci sono stati End, e MilleMila, uscito alla fine dello scorso mese di ottobre.