libro fondazione pierozzi

“Parliamo Di Cibo”, il nuovo libro della Fondazione Francesca Pirozzi: presentazione domenica 5 dicembre ore 16,30 allo Spazio Conad (Galleria Fano Center)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Domenica 5 dicembre alle ore 16,30 alla Galleria Fano Center (Spazio Conad) si terrà la presentazione del nuovo libro della Fondazione Francesca Pirozzi “Parliamo di cibo”. L’evento, condotto da Angela Tringali, vede tra i protagonisti: l’autore del libro Marco Pirozzi; il Dott. Luca Imperatori, oncologo; Tommaso Maggioli, il Presidente del CdA del Consorzio di tutela dell’olio extravergine di oliva Dop Cartoceto; Giovanni Girolomoni, presidente della Cooperativa Agricola Gino Girolomoni; Carla Fiorini, enologa e produttrice Azienda Agraria Fiorini; Lella Mazzoli, Prof. Emerito Università di Urbino; il Dott. Massimiliano Petrelli, Dirigente Medico della S.O.D. Clinica di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo AOU Ospedali Riuniti di Ancona.


Parliamo di Cibo” è il nuovo strumento della Fondazione Pirozzi, disponibile in tutte le librerie e gli store online, per finanziare l’ultima fase del progetto di ricerca oncologica fortemente voluto da Marco e portato avanti da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomolecolari dell’Università di Urbino.


Il libro, maratona di parole per una sana alimentazione, racchiude i pareri di medici, nutrizionisti, chef e produttori che, in un viaggio di 27 capitoli, raccontano il cibo come progetto di vita. Tante le questioni affrontate, tra cui: come influisce l’alimentazione sulla nostra salute? Nella tavola moderna possono coesistere tradizione culinaria ed esigenze salutistiche? Come può un territorio incentivare la biodiversità? Cos’è davvero il biologico in Italia oggi? Scegliere un’alimentazione vegetariana o vegana significa rinunciare al gusto? Il cioccolato è un alimento demoniaco o paradisiaco?


“Parliamo di Cibo” nasce dal bisogno di condividere e di aiutare. È un concentrato di passione, amore, energia, prevenzione, cura, economia oltre che carta d’identità di un territorio, quello marchigiano. Pensato da Marco Pirozzi come regalo per chi si vuole bene, è una sorta di nutrimento di consigli e nozioni utili a migliorare la propria esperienza alimentare.


Marco Pirozzi è un uomo che ha vissuto uno tra i drammi più grandi per un genitore: sopravvivere alla propria figlia. La storia della Fondazione Francesca Pirozzi parte proprio da qui: un papà che non si dà per vinto e che dopo aver pianto la scomparsa di Francesca, portata via a soli 24 anni da un linfoma Non-Hodgkin, decide di fare qualcosa di utile per gli altri, così da poterla ricordare sempre, raccontare di lei al mondo, dando voce al tema che le stava più a cuore: l’alimentazione.


Dopo il successo de “Il Cibo Ideale”, il libro che contiene la tesi di laurea di Francesca che Marco ha trasformato in una guida al mangiar sano con i consigli di nutrizionisti e chef stellati, si è giunti alla seconda fase del progetto.


Ogni settimana vado in laboratorio dai ricercatori che mi aggiornano sull’avanzamento delle fasi della sperimentazione” – spiega papà Pirozzi – “Aiuto la ricerca in nome di mia figlia. Grazie alle numerose donazioni e alla generosità di moltissimi imprenditori, siamo quasi in dirittura di arrivo. Abbiamo ottenuto dei risultati importanti e siamo vicini ad accendere una luce di speranza, decisiva per le problematiche oncologiche”.


Questo libro, nato da un evento dove in salotti tematici vari esperti hanno parlato di cibo, non era previsto, ma ho tenuto a dargli forma perché credo sia ricco di spunti e contributi preziosi che offrono risposte a tante domande sull’esperienza alimentare e su quali siano le accortezze per viverla al meglio. Ho scelto l’avvento del Natale perché in questa festività sono racchiusi tutti i valori alla base del libro: antiche tradizioni, convivialità e solidarietà” conclude il Pirozzi.


Per acquistare il libro e per tutte le informazioni sulla Fondazione: https://fondazionepirozzi.it/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin