Vinicio Capossela al Teatro delle Muse di Ancona lunedì 6 dicembre con “Bestiale Comedìa”

Vinicio Capossela al Teatro delle Muse di Ancona lunedì 6 dicembre con “Bestiale Comedìa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Vinicio Capossela sarà in concerto al Teatro delle Muse di Ancona, lunedì 6 dicembre alle 21, con “Bestiale Comedìa”, il concerto per celebrare i 700 anni della morte di Dante Alighieri. Organizzazione Best Eventi.

I biglietti sono disponibili sul circuito TicketOne www.ticketone.it (online e puntivendita): poltronissima numerata 51,75 – poltrona numerata 46,00 – prima galleria numerata 40,25 – seconda galleria numerata 34,50 – terza galleria numerata 28,75 – palco primo ordine numerato 46,00 – palco secondo ordine numerato 40,25 – palco terzo ordine numerato 34,50 (diritti di prevendita inclusi).


Info: 085 9047726 www.besteventi.it


Bestiale Comedìa

Gli anniversari offrono l’occasione di misurare il tempo che passa e i mutamenti che porta, ma offrono anche l’opportunità di valutare il tempo che non è passato e ciò che è restato immutato, in modo da poterlo riscattare. Quest’anno che ricorre il settecentesimo della morte di Dante Alighieri, è dunque parso naturale che Vinicio Capossela, artista che da tempo orienta la sua ricerca alla riattualizzazione di figure e motivi antichi fuori delle ingiunzioni dell’attualità, abbia pensato un progetto che dal confronto con la “Divina Commedia” tragga punti d’orientamento per una navigazione dantesca nel proprio repertorio.


Se quello di Dante è infatti un viaggio tra i morti per salvare i vivi, la “Bestiale Comedìa”, vuol essere un itinerario nell’immaginazione musicale e letteraria per redimere il reale dallo smarrimento in cui sembra gettato.


La ricerca musicale, artistica e letteraria che Vinicio Capossela porta avanti da tempo è ricca di riferimenti danteschi. Sebbene le citazioni esplicite ad alcuni passi della “Divina Commedia” siano presenti in particolare in alcuni brani dell’album “Marinai, profeti e balene” del 2011, in tutta la discografia di Capossela riecheggia l’universo metafisico dantesco attraverso una ricerca della ritualità, del primordiale, delle radici mitiche della propria cultura, tutta volta a decifrare e restituire la complessità dell’animo umano.

Il concerto per celebrare l’anniversario della morte di Dante Alighieri attinge dunque da questa vasta discografia: un vero e proprio viaggio nell’aldilà tra santi, creature mitiche, bestie, eroi e, soprattutto, peccatori.


I compagni di questa impresa sono due musicisti di grande talento, il poliedrico Vincenzo Vasi e il virtuoso Raffaele Tiseo (che sarà sostituito nelle date di Pescara, Tagliacozzo e Melpignano da Giovannangelo De Gennaro), che come Virgilio e Beatrice affiancano il cantautore e gli danno coraggio nel confrontarsi con una delle opere più vaste, monumentali e magnifiche della storia della letteratura mondiale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin