Grande successo per la XIII edizione del Festival Nazionale dei Borghi più belli d’Italia al Lago di Garda

Grande successo per la XIII edizione del Festival Nazionale dei Borghi più belli d’Italia al Lago di Garda

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

E’ stato il Lago di Garda, con i suoi due splendidi gioielli Gardone Riviera e Tremosine a fare da cornice alla XIII edizione del Festival Nazionale dei Borghi più belli d’Italia, evento che si è svolto seguendo il format della kermesse definitosi negli anni ma nel pieno rispetto delle normative vigenti relative all’emergenza pandemica. L’evento è stato organizzato con il contributo della Regione Lombardia e dei comuni di Tremosine e Gardone Riviera. Presenti le delegazioni dalle Marche. In prima fila il Comune di Cingoli.


Il ritorno del Festival nei borghi, dopo le ultime due edizioni che si sono svolte presso FiCO Eataly World di Bologna, è stato salutato dal plauso del pubblico, con una stima di circa 20.000 presenze. I comuni aderenti alla rete hanno presentato e promosso il proprio territorio, la loro Bellezza e le eccellenze artistiche, paesaggistiche ed enogastronomiche che sono il fiore all’occhiello del nostro Belpaese. L’inaugurazione del Festival si è svolta venerdì 10 sulla suggestiva Terrazza del Brivido di Tremosine, con la cerimonia del taglio del nastro da parte del Presidente dei Borghi più belli d’Italia Fiorello Primi e dell’Assessore al Turismo della Regione Lombardia, Lara Magoni.


Ricchissimo il programma di manifestazioni ed eventi dei tre giorni: convegni, visite guidate, spettacoli folkloristici, degustazioni e laboratori enogastronomici. Due convegni: uno sul “Binomio Turismo e Autenticità nei Borghi”, durante il quale la Prof.ssa Magda Antonioli  dell’Università  Bocconi  ha  presentato  un’interessantissima  ricerca  sull’esperienza  turistica enogastronomica nei Borghi della Lombardia. Un altro convegno, al Casinò di Gardone Riviera ha presentato un’indagine sulle tradizioni e sulle produzioni agroalimentari dei Borghi più belli d’Italia a cui hanno preso parte il Ministro Maria Stella Gelmini, Oscar Farinetti e il famoso pasticciere Iginio Massari che ha promesso di donare ai borghi la prossima ricetta del “pensiero d’amore” il dolce che viene servito alla notte romantica, manifestazione che si svolge ogni anno nei borghi italiani il primo sabato dopo il solstizio d’estate.


E’ stato poi presentato il progetto del Museo Virtuale dei Borghi più belli d’Italia, con la partecipazione di Davide Rampello, autore televisivo e direttore artistico.


Una splendida esibizione della Banda concertistica di Gromo presso la l’anfiteatro del Vittoriale è stata la splendida conclusione del Festival.


Il Lungolago di Gardone Riviera ha ospitato l’area espositiva, con stand regionali e un’area dedicata ai Borghi più belli d’Italia.


“Tutta l’Italia dei Borghi più belli ha accolto i visitatori negli oltre cinquanta stand disseminati sul lungolago, con degustazioni e presentazioni di iniziative ed attività che si possono fare nei borghi e tra questi ovviamente lo stand delle Marche che dopo quello lombardo, che giocava in casa, era lo stand più grande rappresentando ben 28 borghi della nostra regione. I visitatori hanno potuto degustare il ciauscolo e gli affettati del nostro territorio oltre ai vini delle Marche. Inoltre sono stati promossi, i percorsi naturalistici, dove poter fare escursioni sia a piedi che con e-bike, il mare e l’artigianato tipico oltre naturalmente agli splendidi paesaggi dei nostri borghi!” dichiara Cristiana Nardi coordinatrice dei Borghi delle Marche. “Come assessore al turismo del comune di Cingoli, un doveroso ringraziamento va alle aziende del territorio che hanno generosamentre offerto le loro eccellenze, per l’esposizione e la degustazione.  (Macelleria Sandroni, Nuccelli Carni, Caseificio Floris,La Lumaca Va, Mulino Bravi, Cantina Bacelli, Az  Agr. Nonno Dario, La Lumaca Va). Una bellissima vetrina per il nostro Borgo, che ha raccolto moltissimi consensi dai numerosi visitatori!”


“Il Festival Nazionale che è tornato a svolgersi nei Borghi, dopo un paio d’anni in cui si è svolto al Fico di Bologna. Il risultato più grande del festival credo sia stato non solo la promozione, che abbiamo fatto guidando chi veniva allo stand in un percorso da Gradara a Offida, ma è stato anche il confronto tra noi e con le altre regioni. Dopo due anni dall’ultima Bit abbiamo capito come sono cambiate le richieste di chi vuole viaggiare e cercheremo di attrezzarci con del materiale comune che soddisfi queste esigenze. Abbiamo sentito il grande interesse per le nostre destinazioni ed è davvero un onore e un orgoglio immenso rappresentare i nostri Borghi! “così l’Avv. Amato Mercuri che rappresenta i Borghi Marchigiani nel Consiglio Nazionale.


Infine c’è stato il passaggio della bandiera del Festival dalla Lombardia all’Abruzzo, la regione che lo ospiterà nel 2022. A ricevere la bandiera il coordinatore dei Borghi più belli d’Italia in Abruzzo, Antonio Di Marco. I borghi ospitanti saranno quelli di Abbateggio e di Caramanico Terme, con un programma che è già in fase di definizione e che vedrà di nuovo la nostra regione tra le principali protagoniste.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin