il professore roberto morozzo della rocca insignito del premio adriatico mediterraneo 2021

Il professore Roberto Morozzo della Rocca insignito del premio Adriatico Mediterraneo 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il professore Roberto Morozzo della Rocca è stato insignito del Premio Adriatico Mediterraneo 2021. A consegnare la targa, l’ambasciatore Fabio Pigliapoco, capo del Segretariato permanente dell’Iniziativa Adriatico Ionica. A spiegare le motivazioni del riconoscimento, il direttore artistico del Festival Adriatico Mediterraneo, Giovanni Seneca. «Roberto Morozzo della Rocca è il maggior esperto italiano di Albania, studioso, docente e scrittore. A lui va il Premio AdMed per il suo contributo alla comprensione ed alla divulgazione della storia, della cultura e della religione dell’Albania e dei rapporti Est-Ovest. Lo consegniamo in questa edizione dedicata al paese balcanico a trent’anni dai primi arrivi in Italia dei profughi albanesi. Da quel momento, la comunità albanese in Italia è cresciuta costantemente, fino a diventare una delle più grandi. Parallelamente, in questi trent’anni l’Albania ha conosciuto un’evoluzione e mutamenti sociali e storici rilevanti. Proprio quest’anno – ha ricordato Seneca – l’Albania è alla presidenza di turno della Macroregione Adriatico Ionica, mentre prosegue il suo percorso verso l’ingresso nell’Unione Europea». Ad intervistare il professore durante l’incontro L’Albania nello specchio della storia lo storico Sergio Sparapani.


Il professor Morozzo della Rocca (1955) è ordinario di Storia contemporanea nell’Università di Roma Tre. Direttore del dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo. È studioso del rapporto storico fra nazioni e religioni nonché fra il mondo del sacro e la modernità, massimo esperto in Italia di Albania, tutti temi su cui ha pubblicato diversi volumi. Tra i quali si ricordano in particolare “Martiri d’Albania. 1945-1990” (2016); “Nazione e religione in Albania” (2002); “Albania. Le radici della crisi” (1997).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin